Pene curvo o Malattia di Peyronie

Che cos'è

Il pene curvo è una patologia caratterizzata da una curvatura del pene causata dalla comparsa di una placca rigida e fibrosa sui corpi cavernosi (che sono i due cilindri che costituiscono il pene Fig.1).

È una patologia invalidante perché la placca che causa la curvatura del pene può provocare dolore penieno e deficit dell’erezione: tutto questo ostacola l’attività sessuale.

Il pene curvo si manifesta intorno ai 45-50 anni.

Pene curvo - Fig. 1
Fig. 1

Cause

La causa è sconosciuta. Viene considerata come una malattia cronica a patogenesi autoimmunitaria.

Terapie

Non conoscendosi la causa non è stata trovata una terapia soddisfacente. Anche la chirurgia non ottiene dei risultati ottimali.

La terapia orale non ha riportato alcun risultato.

Iniezioni nel pene di Calcio-antagonisti, Corticosteroidi, ecc., non si sono dimostrati efficaci, come la ionoforesi peniena o le onde d’urto.

La chirurgia viene effettuata quando il paziente non può avere rapporti sessuali a causa della curvatura.

Chirurgia mini-invasiva senza accorciamento del pene

Negli ultimi tempi si è dimostrato molto efficace il trattamento chirurgico mediante incisione ed infiltrazione della placca con tessuto adiposo ricco di cellule staminali (nanofat) che permette il rilasciamento della placca e la risoluzione della curvatura.

Questo trattamento non causa complicanze in quanto il tessuto adiposo omologo è al 100% biocompatibile (Fig. 2-3-4).

Chirurgia secondo la tecnica di Nesbit

Nell’intervento di raddrizzamento del pene secondo la tecnica descritta da Nesbit, si pratica un’incisione e si procede con l’asportazione di un’asola a forma di ellisse di tessuto dei corpi cavernosi sulla superficie controlaterale alla curvatura.

Questo intervento permette il raddrizzamento del pene (senza rimozione della placca), ma causa accorciamento del pene.

Chirurgia di placca

Con questo intervento si effettuano la rimozione-incisione della placca e l’applicazione di una toppa di tessuto: vena oppure tessuto eterologo.

Tale trattamento chirurgico permette il raddrizzamento del pene ma può essere causa di complicanze (ematomi, cicatrici) e deficit dell’erezione.

Applicazione di protesi peniena

Si cerca di evitare questo intervento che causa sensazione permanente di corpo estraneo nel pene e fastidio per il pene in continuo stato di erezione. Le complicanze di questa tipologia di intervento possono riguardare infezioni e rigetto delle protesi.